Vacanze in Sicilia: ecco le cose da non perdere

La Sicilia è una delle perle del nostro Bel Paese: terra antica culla di siti archeologici, città d’arte, monumenti, riserve naturali, spiagge divine ed arcipelaghi. Questa regione, dal clima mite, regala ai turisti emozioni incredibili e sapori unici. Vogliamo, allora, suggerirvi un possibile itinerario perchè possiate godere appieno delle meraviglie dell’isola.

La Sicilia Settentrionale

Il cuore della Sicilia Settentrionale è Palermo, l’elegante città capoluogo. I luoghi da visitare sono innumerevoli e tra questi non può mancare il centro storico che riunisce la Cattedrale, il Palazzo dei Normanni, la Cappella Palatina e la Piazza dei Quattro Canti. Non potete lasciare questa località senza esservi, inoltre, prima recati al mercato di Vucciria, uno dei quattro mercati storici di Palermo. La Vucciria raccoglie, in Piazza Caracciolo e dintorni, colori, suoni e sapori che sono diventati i protagonisti di un celebre dipinto di Renato Guttuso, che potete ammirare a Palazzo Steri. Vi suggeriamo di acquistare le olive di Castelvetrano, gli agrumi, i pomodorini secchi ed i dolci della tradizione sicula. Altre tappe obbligatorie sono il Duomo di Monreale e la spiaggia di Mondello. Il primo rappresenta una delle più belle chiese della Sicilia ed è espressione dell’arte bizantina. Al suo interno potete contemplare incantevoli mosaici che, realizzati con oltre 1800 Kg di oro zecchino, narrano la storia del Cristianesimo. Il Monte Pellegrino ed il Monte Gallo fanno, invece, da sfondo alla spiaggia bianca ed alle acque cristalline del mare di Mondello.

La Sicilia Occidentale

La Sicilia Occidentale è uno scrigno ricco di tesori e tra i luoghi meritevoli di visita vi sono Trapani, Erice e San Vito Lo Capo. Ogni angolo di Trapani racconta un pezzetto di vita di questa splendida città nei diversi secoli. Il suo cuore rimane il centro storico ribattezzato, da molti, come il salotto buono: non dimenticate, quindi, di visitare Palazzo Ciambra e Via Garibaldi, sulla quale si affacciano i sontuosi palazzi dove un tempo risiedevano le nobili famiglie della città. Non fatevi mancare una gita ad Erice, un luogo incantato che sorge abbarbicato su un monte a 751 metri di altezza. Il Castello di Erice, meglio noto come Castello di Venere, venne edificato sulle macerie del santuario normanno dedicato alla dea. Il panorama che vi attende dal suo belvedere è mozzafiato: si scorgono, infatti, Trapani, le Isole Egadi, il monte Cofano e, se il tempo lo consente, Ustica. La spiaggia di San Vito Lo Capo è di una bellezza rara ed è il luogo ideale per rilassarsi, ma anche per dedicarsi agli sport acquatici. Nei suoi dintorni vi sono altri posti imperdibili come la Baia di Santa Margherita, la Tonnara del Secco e la Riserva dello Zingaro.

La Sicilia Meridionale

Le attrattive, nel sud dell’isola, sono innumerevoli e c’è solo l’imbarazzo della scelta. La prima tappa non può che essere la Valle dei Templi di Agrigento, impronta indelebile della Magna Grecia in Sicilia. Al suo interno si trovano dieci templi dorici, tre santuari, diverse necropoli, opere idrauliche, fortificazioni ed un quartiere ellenistico-romano, ma vi sono anche luoghi che testimoniano la vita pubblica come l’Agorà e la sala del consiglio chiamata Bouleuterion. Selinunte sorge, invece, nella parte sud-occidentale della Sicilia ed ospita un meraviglioso parco archeologico, che riunisce sette templi, santuari, necropoli, le Cave di Cusa e molto altro ancora. Siracusa si trova nella parte sud-orientale della regione e tra i suoi simboli vi sono il Teatro Greco, l’Isola di Ortigia e l’Orecchio di Dionisio. 

La Sicilia Orientale

Taormina a Catania sono due dei fiori all’occhiello della Sicilia Orientale. La prima è una delle mete predilette dai turisti italiani e stranieri che sono alla ricerca di stupende spiagge, mare cristallino, storia e cultura. Si può raggiungere Catania anche partendo da Napoli, sulla tratta dei traghetti Napoli Catania. Questa terra ha, inoltre, ospitato nel corso dei secoli personaggi illustri come Gabriele D’Annunzio, lo scrittore inglese D.H.Lawrence, Guy de Maupassant e molti altri. Non mancate di visitare il Teatro Greco, simbolo delle cittadina, la Cattedrale, il centro storico e la Torre dell’Orologio. Catania sorge alle pendici dell’Etna e tra le cose che non potete perdere vi sono il Teatro Romano, l’Anfiteatro, le Terme, il Castello Ursino e la Fontana dell’Elefante. Quest’ultima, progettata dall’architetto Vaccarini, svetta in Piazza del Duomo ed è certamente il più celebre monumento della città. Rappresenta un elefante che sorregge un obelisco egiziano e riunisce tre civiltà: quella punica (l’animale simboleggia la sconfitta dei cartaginesi), quella egiziana (come testimoniato dall’obelisco tradotto a Catania durante le Crociate) e quella cristiana (come racconta la croce che arricchisce la scultura).

traghettilines